La collaterale sarà il terreno fertile in cui gli artigiani locali incontreranno i loro colleghi che sono riusciti ad aggiungere un elemento innovativo nel loro lavoro. La Mostra Nazionale dell’Artigianato, infatti, non è più un luogo di mostra dell’eccellenza quantitativa e qualitativa degli artigiani del territorio ma diventa innovazione che comprende sia la componente tecnologica (robotica, taglio laser, sistemi a controllo numerico) sia evoluzioni di processo (crowdsourcing o esempi di open design). Un interessante percorso tematico caratterizzerà questa collaterale, il cui filo conduttore sarà rappresentato da un concetto molto importante: l’innovazione è sempre guidata dalla curiosità e dalla bellezza.

La prima stanza sarà incentrata sulle vecchie dime saluzzesi, che mostreranno come la memoria fisica degli oggetti sia un punto fondamentale per tramandare arti e mestieri. Il percorso proseguirà nella seconda stanza, che sarà dedicata alle soluzioni open forniture: sarà allestita una sala riunioni google avvalendosi di open desk. La stanza seguente sarà dedicata alla prototipazione e stampa 3d, con i gioielli Falabrac e la scarpa Superga realizzati da Protocube Reply.

Successivamente sarà presentata una sketch chair, una sedia open source realizzata attraverso una campagna di crowdfunding su kickstarter. Quest’ultimo progetto è nato in seno alla Japan Science and Techonology Agency, dai creatori Tiago Rorke e Greg Saul (attualmente Creative Design Technologist di Microsoft). . La quinta stanza presenterà un’ulteriore innovazione tecnologica, la robotica. Questa sala sarà intitolata: “I robots non sostituiranno l’uomo, ma collaboreranno con lui”. Sarà esposto un Robot Collaborativo di Universal Robots, ditta danese.

Il percorso continuerà nella stanza successiva, dove troveremo prodotti artigianali provenienti dalla Svizzera, di Wood Spirits, realizzatori di sci in legno artigianali e personalizzati, e che sono riusciti a raccogliere tramite kickstarter 38.000 euro in crowdfunding.

Infine, l’ultima stanza rappresenterà un forte ossimoro per il visitatore. Di fronte ad un’opera pittorica di Casa Cavassa verrà installato un visore HTC VIVE di realtà immersiva, tramite cui, grazie all’app appositamente fornita da Protocube Reply, sarà possibile immergersi nell’allestimento personalizzato di una poltrona FRAU.

Il filo conduttore tra le dime saluzzesi e le tecnologie open source, tra la prototipazione 3d e il crowdfunding sullo sfondo di antichi arredi di Casa Cavassa, tra la pittura rinascimentale e la realtà virtuale sarà evocato dal concetto di innovazione intesa non come mera tecnologia, bensì come curiosità che porta l’uomo a ri-innovare e ri-innovarsi nel corso dei secoli, avendo come ultimo fine la ricerca della bellezza, in qualsiasi forma essa sia.

 

QUANDO
Esposizione weekend mese di maggio – dall’11 al 27 maggio
DOVE
Casa Cavassa – Croce Nera – Antico Palazzo Comunale